Come Scegliere i fornitori?

Come si scelgono i fornitori?

 

 

Negli ultimi anni il numero dei fornitori disponibili nel mondo del Wedding è aumentato. E ora il rischio è quello di fare un confronto solo sul prezzo. Per rendersi conto poi dopo che in realtà ci sono enormi differenze e elementi da tenere in considerazione.

Per non avere brutte sorprese ci sono davvero molte domande da chiedere ad ognuno dei fornitori scelti. Non bisogna soffermarci solo sulla ricerca su Internet. E’ necessario conoscerli di persona, domandare qualsiasi dubbio e valutare insieme tutte le richieste. Certamente ci si può informare preventivamente sul fornitore da scegliere, tramite recensioni di Google, social e Pineterest. Ma per evitare intoppi è fondamentale affidarsi ad una Wedding Planner, per avere un unico referente a cui rivolgersi e che faccia da intermediario per ogni servizio.

 

 

Un buon fornitore ascolta, ci dev’essere subito feeling, ti deve ispirare fiducia. 

 

 

Il fornitore giusto è quello che cerca di assecondare le idee della coppia, cercando laddove possibile di raggiungere un compromesso.

Il fornitore ideale è sempre aggiornato sulle tendenze di settore, fornisce nuove proposte di tendenza, è specializzato nel suo campo senza sconfinare in altri settori. 

 

Ma l’aspetto più importante: dev’essere in grado di lavorare in gruppo. 

 

 

Per questo insisto affinché i fornitori siano scelti tra quelli proposti da me perchè so di proporre professionisti che hanno a cuore il tuo matrimonio.

 

 

Come dico sempre “il matrimonio lo facciamo tutti insieme” ognuno ha un ruolo importantissimo, imprescindibile. Ma se una figura pensa  solo ai propri interessi tutto il sistema crolla.

 

Un po’ come nel calcio. Il portiere da solo non può vincere la partita, io senza i fornitori non posso organizzare un matrimonio e loro senza la Wedding Planner non possono coordinare l’evento da soli.

 

Il nostro è un lavoro di squadra, ed è necessario che i colleghi con cui lavoro siano consapevoli di quanto il loro lavoro impatti su quello degli altri e che tutto questo si rifletta sul successo dell’evento.

 

E’ mio compito creare un bel team affinché ogni collega lavori in armonia, è necessario trovare un punto di incontro e condividere , anche sul lavoro, gli stessi principi e valori. Vivere la dimensione dell’evento vuol dire capire che in alcuni casi bisogna fare qualcosa di piu, mettersi al servizio dell’evento e non pretendere che avvenga il contrario.

 

 

 

Capisci perché seleziono con cura i miei fornitori? Perché non tutti sono capaci di lavorare in squadra e invece per me è una dote fondamentale. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.